[16 Ago 2014 | Non ci sono commenti | 581 visite]
Mostra di Claudio Feruglio

E’ aperta dal 6 agosto 2014 al Museo d’Arte Moderna Ugo Carà di Muggia la mostra personale dell’artista udinese Claudio Mario Feruglio intitolata In ascolto. In esposizione una trentina di opere scelte, realizzate dal Maestro dal 2002 al 2014 ad acrilico su tela e incentrate sulla poetica del silenzio, tema a lui particolarmente caro, che l’artista intreccia – scrive Accerboni – con profondo sentire, tecnica ineccepibile ed eleganza al tema della natura e a un’intima sensibilità religiosa, la quale pervade tutti i suoi lavori.
Sospesi tra rigore, lirismo e percezione dell’infinito, …

...continua la lettura »

Poesia »

[16 Apr 2016 | Non ci sono commenti | 415 visite] Elis Dacquord

Un prato verde, umido di pioggia
ricco di vite diverse
calpesto ignaro di regalare morte…
forse incurante,
altri pensieri torturano la mente,
mentre quel mare verde
vive di vite sue…
Un albero, l’ombra cercata,
siedo poggiando la schiena,
osservo quel mare tranquillo
e mi perdo lontano…
ritorno bambino e ritrovo i sogni
di allora, la serenità persa negli anni,
formiche, piccoli insetti, lavorano
forse inconsapevoli del loro destino,
della loro breve vite,
del pericolo che sia ancora più breve,
osservo e penso…
dall’alto, ci guardano così!
Formiche, insetti, forse anche
inetti o inutili… corriamo per le
strade della nostra vita convulsa,
frenetica, opaca, luminosa qualche volta,
sorrido, guardando in alto, il Collega
che in …

Poesia »

[21 Gen 2013 | Non ci sono commenti | 534 visite] Giacomo Onder

La strada cavalca la spiaggia,
macchine curiose di frenare
ai piedi dei bagnanti,
occhi accecati dai riflessi
di un sole che stenta a fuggire.
Tu attraversi ignara e sottile,
una crocchia di capelli rame
che solleva per boria la testa,
cerchi un varco tra mani tese
prima che slaccino i pensieri
curvi sulle tue morbide forme.
Sollevo il mio corpo
e credo d’averti accanto
a lumeggiare lo sguardo
sotto l’ala di un sorriso.

Poesia, Saggi »

[10 Nov 2012 | Non ci sono commenti | 470 visite] Elis Dacquord

Mi alzo la mattina
che sembra notte,
esco di casa che sembra
di muoversi dentro una nuvola
umida e grigia,
passano poche ore
e torna il buio,
prima di un grigio
appena più scuro,
poi nero come la pece,
non il blu delle notti stellate
non il celeste limpido
o l’azzurro caldo estivo,
piove
è piove grigio,
torrenti grigi scorrono
per le strade
sotto i ponti
delle nostre città,
accendo una cicca
ed uno sbuffo grigio
galleggia nel grigio colore
della città… si alza una
leggera brezza, che grigia
spazza le vie dall’aria grigia..
per strada, uomini, donne,
vestiti di grigio, camminano…
parole, senza colore, grigie,
la stanchezza nel tono ..
nel colore degli occhi..
la vita sta’ diventando
sempre più …

Poesia »

[9 Nov 2012 | Non ci sono commenti | 461 visite] Elis Dacquord

Io amo tanto il mio papà
con tanto affetto.
Vorrei stare sempre con lui,
ma non si può
perché ci vogliono i soldini
e lui deve lavorare,
ma anche quando sono
lontana da lui
io lo amo con tanto affetto
e gentilezza
ed è sempre nel mio cuoricino
e mi manca tanto tanto
tanto che gli darei
il mio cuoricino per farlo vivere…
e per poter vivere sempre con lui
tutta la mia vita.

Poesia »

[26 Ott 2012 | Non ci sono commenti | 415 visite] Elis Dacquord

Cammino per le vie
di un mondo
diverso dal mio,
luci brillano
da terra e dal cielo,
colori che illuminano
la notte…
i bui pomeriggi d’inverno,
incontro visi
maschere di stanchezza,
impassibili alle piccole
cose, alle parole gentili…
nessun sorriso
incontra sorriso…
provo invano ad indurre
sorriso, invitando…
ma la gente è
persa nel suo
“grande… immenso” dolore…
invisibile mi sento,
fantasma
tra spettri già anziani…
la luce hanno perso da tempo
non trovando più la via
della luce e del sorriso…
sorrido al fantasma che
incontro, che grigio
cammina per le vie
di questo mondo più di nessuno…
bianco o nero, sorrido
cercando uno spazio di luce
che risponda al semplice sorriso…
non cerco sogno d’amore…
solo dare speranza
ad un futuro
che bello …

Poesia »

[27 Set 2012 | 1 commento | 792 visite] Giacomo Onder

Rustica sofferenza
che si addice
alle zolle di terra,
non mia nel possesso
di gentili parole
che afferrano adunche
la voglia del tempo.
Il cielo non si riflette
nei solchi dei pensieri,
solo intorno crepe
aride d’acqua
nelle fertili menzogne.

Poesia »

[4 Set 2012 | Non ci sono commenti | 391 visite] Giacomo Onder

Fuori del mio corpo a rintuzzare
i mulinelli dei pensieri,
pare una bonaccia indaffarata
che ricuce l’orlo di cielo e mare,
il viso che saluta alla partenza
gli occhi di chi non lascia e sogna.
E se distolgo dai riflessi l’orizzonte,
un angolo mio di effusioni,
ritrovo lo slancio a ritroso delle onde,
una corsa che non mi sfianca e piace.
Pare una bonaccia che ripiega,
un abito di donna che stenta a toglierlo,
fuori del mio corpo a mormorare
le giravolte dei sassi tra le labbra.