Dalla struttura alla poesia e dalla terza alla quinta dimensione

Si tratta di uno studio originale sui rapporti tra le scienze esatte  e le loro limitate e talvolta controproducenti applicazioni pratiche. L’autore  sostiene che le matematiche, le geometrie e le loro funzioni, comprese quelle di equilibrio, non possono, da sole, costruire opere di ingegneria, architettoniche e urbanistiche né eseguire opere di restauro urbano ed architettonico; “in sintesi, esse non possono costruire spazi vivibili e, men che mai, degni di essere vissuti”, se non tengono conto della quarta e quinta dimensione, ossia dell’aspetto poetico di esse.

Un’opera molto originale dove scienza e poesia si incontrano e mostrano come anche una razionale formula matematica possa contenere luce e tempo.
La forza delle idee in essa contenute aprirà sicuramente  nuove strade.

—————————————————————————————————-
Dalla struttura alla poesia e dalla terza alla quinta dimensione
Di Nicola Mazzeo
www.albusedizioni.it

Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati